Archivi categoria: Ricette

QUALI SONO I TEMPI DI COTTURA DELLA BOLLITURA?

La bollitura è la più utilizzata tra le tecniche di cottura disponibili. Impiegata per cuocere vari alimenti, dalla pasta al riso, dalle carni al pesce passando per verdure e uova, a differenza delle altre tecniche non prevede il contatto diretto con il cibo, ma richiede l’utilizzo di un recipiente impermeabile all’acqua e resistente al fuoco. Nella storia, l’introduzione della bollitura fu fondamentale poiché consente di ottenere cibi più digeribili, appetibili ed anche igienici. Alcuni alimenti inoltre, come la pasta, i legumi secchi ed i cereali, senza una preventiva bollitura non sarebbero assolutamente commestibili. Inoltre può rendere alcuni prodotti più conservabili perché elimina germi e tossine.

In questo metodo di cottura il trasferimento del calore agli alimenti avviene per convenzione, quindi l’energia termica si propaga al cibo attraverso un liquido che funge da mezzo di cottura che, scaldandosi dal basso, cioè dal fondo del tegame a contatto con la fiamma, trasmette il calore attraverso movimenti interni.

Sebbene la bollitura venga condotta a 100 °C, temperatura relativamente bassa se confrontata a quella della frittura o in forno, il contatto diretto e continuo di tutta la superficie del cibo con il mezzo di cottura rende questa tecnica estremamente efficace.

 

 

 

Val al link dell’articolo

 

Annunci

Acquacotta Casentinese (antica ricetta) e rivisitazioni

 

Acquacotta del Casentino

Acquacotta alla Stiana

L’acquacotta è il piatto tipico di Stia e si prepara con cipolle, brodo, fette di pane abbrustolite, fegatini di pollo, sale e pepe. Un piatto povero ma buonissimo che serviva in passato a dare l’energia necessaria ai carbonai e ai boscaioli.

 

 

 

 

vai al link…http://casentinolive.it/acquacotta-casentinese.html

 

Acquacotta-Casentinese

I GRIFI ALL’ARETINA

 

grifi-piatto

I Grifi sono le parti magre e callose del muso del vitello.
Si possono usare, per arricchire il piatto, anche le guance.

Nella tradizione gastronomica aretina è d’uso una ricetta che sfrutta queste parti cuocendole in umido con aromi, spezie, odori e pomodoro, realizzando un piatto semplice ma gustoso e saporito.

Vai al link…http://www.grifi.it/

pa1Patrizio Gabutti per mangiare bene

PACCHERI CACIO, RICOTTA E ‘NDUJA

Cipolla di Tropea, ‘nduja e caciocavallo sono gli ingredienti principali di questo delizioso piatto made in Calabria. Semplice da realizzare, la ricetta paccheri cacio, ricotta e ‘nduja dà vita ad un primo piatto dal sapore deciso, da abbinare rigorosamente ad un vino del territorio che  si leghi bene al piccante, in modo da pulire le nostre papille gustative.
Incisivo ma elegante, consigliamo un Merlot o un Sangiovese.

 

clicca sul link…http://www.ilgiornaledelcibo.it/ricetta/paccheri-cacio-ricotta-e-nduja/

DOLCI E SALATE, ECCO 3 ORIGINALI RICETTE A BASE DI MELE

lonza-maiale-mele

C’è un ricordo a me molto caro che sintetizza al meglio il mio rapporto con le mele: da bambino, probabilmente dai 5-6 anni fino ai 10-12, nelle occasioni in cui si riuniva la famiglia per le feste o per il pranzo della domenica, a fine pasto mia zia Maria (la sorella di mia madre), ne sbucciava una per tagliarla a pezzetti molto piccoli da mettere in un bicchiere nel quale versava un po’ di vino rosso. Quel piccolo “dessert” era la mia trasgressione, il ricordo del contrasto tra la dolcezza della mela e il sapore intenso del vino è vivo nella mia memoria gustativa come fosse accaduto ieri.

Ingrediente presente praticamente tutto l’anno, la mela è un prodotto che si declina in tante differenti varietà (Stark, Granny Smith, Fuji, Annurca, etc.) ed oggi vi propongo un menu che la vede protagonista a tutto tondo, con un succulento abbinamento con la carne di maiale e due varianti dolci, una cheesecake (qui trovate delle interessanti variantvegan) e delle praticissime sfogliatine.

Le ricette con mele: 3 idee per un menù da preparare in casa

 

Vai al link…..http://www.ilgiornaledelcibo.it/ricette-con-mele/

COSA MANGIARE CON L’INFLUENZA PER AIUTARE IL CORPO

shutterstock_533024893

 

 

 

 

Con questo clima altalenante, vestirsi in maniera adatta a contrastare gli agenti climatici diventa davvero complicato. Ed ecco che inesorabilmente arriva l’influenza a tormentarci con tosse, febbre, mal di gola, congestione nasale e dolori alle ossa. Prima di correre in farmacia, vale la pena seguire qualche consiglio su cosa mangiare con l’influenza, in modo da riuscire ad accelerare il processo di guarigione e sentirci meglio più in fretta. In più, anche se non siete a letto con l’influenza, seguire semplici regole alimentari può essere utile a rafforzare il sistema immunitario e a mantenerci in salute.

 

vai all’articolo: clicca quì…

http://www.ilgiornaledelcibo.it/cosa-mangiare-con-l-influenza/

 

Il ministro per mangiare bene

10299523_10203829546848007_3625092447003206148_n

10 ZUPPE INVERNALI DA PROVARE ASSOLUTAMENTE

 

z

 

In inverno, quando le temperature calano drasticamente, non c’è nulla di meglio che preparare una zuppa che riscalda il corpo e rasserena i pensieri. Di solito i protagonisti di questo comfort food sono verdure di stagione o legumi e cereali,che rendono l’organismo più sano e forte e lo aiutano a sopportare meglio il freddo. Sapete qual è il bello delle zuppe? Che non stancano mai perché si possono arricchire con erbe aromatiche e spezie per avere ogni volta gusti e profumi diversi. Ricordatevi poi di accompagnarle con fette di pane tostato o crostini fatti in casa, il contrasto di consistenze stimola sensazioni davvero piacevoli al palato. Ed ecco che vi proponiamo 10 zuppe invernali per tutti i gusti assolutamente da provare

 

 

Vai al Link, clicca quì sotto….

http://www.ilgiornaledelcibo.it/zuppe-invernali-ricette/

 

gallo

Mangiare bene arezzo

Gruppo Facebook : mangiare bene e spendere poco idee per Arezzo e provincia