Archivi categoria: CUCINA D’AUTORE

Budino di riso, ricetta della tradizione toscana

budini-riso-6473

 

com10patrizio gabutti per mangiare bene

 

 

 

BUDINO DI RISO

 

 

Il Budino di riso è una ricetta della tradizione toscana..viene comunemente chiamato budino, ma proprio budino non è.. è una sorta di cestino in pasta frolla ripieno di una crema di riso cotto nel latte e aromatizzato..profuma delicatamente di vaniglia, ha un cuore cremoso..questo squisito dolcetto si può gustare nelle pasticcerie e nei bar di moltissime città toscane..la sua forma è leggermente ovale, se non possedete i classici stampini potete fare come ho fatto io utilizzando quelli tondi in carta stagnola e schiacciandoli leggermente avranno la forma perfetta..

 

 

 

vai all’articolo ………

 

 

Annunci

Torre della Fondazione Prada di Milano

 

3db3240e-3da7-41e6-b3ba-535e668ee872

 

 

Cosa si mangia al ristorante Torre della Fondazione Prada di Milano

 

 

Inaugurato a maggio 2018, il nuovo ristorante della Fondazione Prada è già un successo. Arredi di design, vista inedita sulla città, terrazza panoramica, e una novità: una “collezione permanente” con un menù di cucina italiana e delle “esposizioni temporanee” di giovani chef da tutto il mondo, per una cucina etica e sostenibile. Prezzi? Pop.

La Fondazione Prada è una delle ultime cose accadute a Milano di cui andare orgogliosi, ha ridato vita ad un intero quartiere periferico e dal 2015 ha continuato a farsi voler bene dagli amanti della buona tavola. Dopo il bar Luce disegnato da Wes Anderson, ha aperto a maggio 2018 alla sede di Milano della Fondazione Prada il ristorante Torre, al sesto e settimo piano del nuovo edificio della Fondazione.
Non è solo un ristorante in un museo, di quelli ce ne sono tanti. Il concetto del nuovo ristorante Torre è in linea con il progetto dell’intera Fondazione e del suo allestimento: una collezione permanente dinamica, a cui si affiancano le esposizioni temporanee di artisti emergenti. Il ristorante è esattamente questo, e ad una cucina italiana contemporanea aggiunge l’esperienza del temporary restaurant, grazie alla permanenza di chef under 30.

 

vai all’articolo completo……..

08ecb8cb-83ff-458a-b3bd-a1d1968e6b52

 

La Carbonara di Luciano Monosilio- Roma

 

526f2cf9-f428-4c2c-95de-57ca7919cf8b

La carbonara più famosa di Roma, dello chef Luciano Monosilio. Nel suo nuovo locale la cucina così (e ci svela un paio di segreti)

Se dici Carbonara a Roma dici Luciano Monosilio. Adesso dici solo Luciano, perché lo chef ex stellato, ex Pipero, ha deciso di abbandonare per un po’ il fine dining e aprire la sua insegna pop. Anzi, come afferma lui stesso, “più pop di così si muore”: trattoria-pizzeria tutto insieme, come trent’anni fa, nonostante quello di Luciano sembri un concetto, anzi un concept, così moderno.

 

Vai all’articolo……………

 

 

99c091ae-58b9-45ef-a5f7-7b9fed9c15cb

PACCHERI CACIO, RICOTTA E ‘NDUJA

Cipolla di Tropea, ‘nduja e caciocavallo sono gli ingredienti principali di questo delizioso piatto made in Calabria. Semplice da realizzare, la ricetta paccheri cacio, ricotta e ‘nduja dà vita ad un primo piatto dal sapore deciso, da abbinare rigorosamente ad un vino del territorio che  si leghi bene al piccante, in modo da pulire le nostre papille gustative.
Incisivo ma elegante, consigliamo un Merlot o un Sangiovese.

 

clicca sul link…http://www.ilgiornaledelcibo.it/ricetta/paccheri-cacio-ricotta-e-nduja/

DOLCI E SALATE, ECCO 3 ORIGINALI RICETTE A BASE DI MELE

lonza-maiale-mele

C’è un ricordo a me molto caro che sintetizza al meglio il mio rapporto con le mele: da bambino, probabilmente dai 5-6 anni fino ai 10-12, nelle occasioni in cui si riuniva la famiglia per le feste o per il pranzo della domenica, a fine pasto mia zia Maria (la sorella di mia madre), ne sbucciava una per tagliarla a pezzetti molto piccoli da mettere in un bicchiere nel quale versava un po’ di vino rosso. Quel piccolo “dessert” era la mia trasgressione, il ricordo del contrasto tra la dolcezza della mela e il sapore intenso del vino è vivo nella mia memoria gustativa come fosse accaduto ieri.

Ingrediente presente praticamente tutto l’anno, la mela è un prodotto che si declina in tante differenti varietà (Stark, Granny Smith, Fuji, Annurca, etc.) ed oggi vi propongo un menu che la vede protagonista a tutto tondo, con un succulento abbinamento con la carne di maiale e due varianti dolci, una cheesecake (qui trovate delle interessanti variantvegan) e delle praticissime sfogliatine.

Le ricette con mele: 3 idee per un menù da preparare in casa

 

Vai al link…..http://www.ilgiornaledelcibo.it/ricette-con-mele/

LA RICETTA GIUSTA PER OGNI VARIETÀ DI MELA

frittelle

pa1Patrizio Gabutti scelto per Mangiare bene

 

 

 

 

I banchi dei mercati ne sono pieni: rosse, gialle, verdi striate, belle tonde come quelle di Biancaneve o bitorzolute come un naso di strega. Tra i protagonisti dell’orto della frutta di novembre troviamo le mele. In Italia ne esistono diversi tipi di mele, vediamo quali sono i più comuni e come possiamo usarle per creare degli sfiziosi dolcetti.

Una mela al giorno toglie il medico di torno

Vi abbiamo già parlato delle proprietà e dei benefici, tra cui quella di essere particolarmente adatta a chi soffre di colesterolo e obesità oltre a contenere vitamine che contribuiscono a rendere la pelle più luminosa.
Ma non è solo per questi motivi che le mele andrebbero consumate con regolarità. La verità è che si tratta di un frutto buonissimo, che offre un’ampia gamma di varietà, pratico da mangiare fuori casa, in ufficio o dopo attività sportive, inoltre riduce il senso di fame soddisfacendo anche la voglia di dolce. Cosa volere di più? Solo delle ricette con le mele, ecco, allora, alcune tra le più comuni varietà e i consigli per portarle in tavola.

Tipi di mele: la ricetta adatta ad ogni varietà

 

Vai a vedere il seguito nel link…Clicca quà !

 

sfoglie

Fagioli azuki con maltagliati alla salvia

 

fagioli

pa1Patrizio Gabutti per mangiare bene

 

 

da le ricette di elena

Era da tempo che avevo comprato i fagioli azuki e non ho mai, fino ad oggi, o meglio ieri, avuto l’occasione per utilizzarli.Studiando medicina cinese, li ho sentiti nominare spesso, ma da lì ad avere il tempo di cucinarli ce ne passa. Ora il tempo ce l’ho e mi godo questa condizione quanto più possibile, cucinando finalmente in continuazione. Lo ammetto, dovrei anche studiare… farò anche quello… 😉

Per prima cosa ho messo in ammollo, dopo averli sciacquati abbondantemente, i fagioli azuki. Ne ho fatti in abbondanza, perchè essendo un legume che drena i liquidi in eccesso ed è diuretico, ho intenzione di utilizzarlo anche per altre preparazioni.

 

prosegui nel link :

https://www.cominciamodaqua.com/fagioli-azuki-maltagliati-alla-salvia/

 

fagiol2

 

fagio3

Gruppo Facebook : mangiare bene e spendere poco idee per Arezzo e provincia