“La Cucina di Donna Luisa” – Verreno Resort – AMBRA (AR)

v99

Chef Maria Luisa Lovari  “La Cucina di DonnaLuisa”

 

 

pa13Patrizio Gabutti  per Mangiare Bene

 

 

 

Podere Verreno, 67 (23,84 km)
52021 Ambra, Toscana, Italy
342 319 4851

Proposta di :

Oggi sono stata al Verreno Resort un’incantevole borgo medievale proprio sopra Ambra completamente ristrutturato sia le strutture esterne che i bellissimi saloni interni della villa padronale ..

Il ristorante nel salone principale si chiama “La cucina di DonnaLuisa” ..che dire un menù sublime in ogni portata ..ogni piatto elegante e perfetto negli accostamenti dei sapori .

l menù degustazione a 50€ comprendere un tortino ripieno di pecorino fuso e pera caramellata ..dei pici fatti a mano con sugo bianco d’anatra e un filetto di cinta con panur al pistacchio io ho preferito un ottimo piccione laccato al syra ed infine un insieme di assaggi di dolcezze come il tronchetto al cioccolato fondente o un bignè ripieno di gelato alla nocciola .. un pranzo veramente eccellente….mi sono detta qui “ci va tornato” specialmente d’estate deve essere ancora più bello tutto il borgo con il verde e i fiori !!

 

v1

 

v2

 

v3

 

v5

 

v6

 

 

v7

 

 

v8

 

v9

 

v10

 

v11

 

v12

 

v13

 

v14

 

v15

 

v16

 

v17

 

v18

 

v19

 

v20v21

 

v22

 

 

v31

 

v32

 

v53

 

v33

 

v44

 

v53

 

 

v55

 

 

v76

 

v77

 

v88

 

v90

 

v99

 

 

 

 

 

DOLCI E SALATE, ECCO 3 ORIGINALI RICETTE A BASE DI MELE

lonza-maiale-mele

C’è un ricordo a me molto caro che sintetizza al meglio il mio rapporto con le mele: da bambino, probabilmente dai 5-6 anni fino ai 10-12, nelle occasioni in cui si riuniva la famiglia per le feste o per il pranzo della domenica, a fine pasto mia zia Maria (la sorella di mia madre), ne sbucciava una per tagliarla a pezzetti molto piccoli da mettere in un bicchiere nel quale versava un po’ di vino rosso. Quel piccolo “dessert” era la mia trasgressione, il ricordo del contrasto tra la dolcezza della mela e il sapore intenso del vino è vivo nella mia memoria gustativa come fosse accaduto ieri.

Ingrediente presente praticamente tutto l’anno, la mela è un prodotto che si declina in tante differenti varietà (Stark, Granny Smith, Fuji, Annurca, etc.) ed oggi vi propongo un menu che la vede protagonista a tutto tondo, con un succulento abbinamento con la carne di maiale e due varianti dolci, una cheesecake (qui trovate delle interessanti variantvegan) e delle praticissime sfogliatine.

Le ricette con mele: 3 idee per un menù da preparare in casa

 

Vai al link…..http://www.ilgiornaledelcibo.it/ricette-con-mele/

La Tagliatella – Arezzo

ta18
la-tagliatella-da-cristina
Tagliatelle fatte a mano in locale di tradizione familiare dal 1932 tra arredi curati e bottiglie di vino.
Indirizzo47, Viale Giotto, 45, 52100 Arezzo AR

Orari

lunedì 12:15–14:30, 19:15–22:15
martedì 12:15–14:30, 19:15–22:15
mercoledì Chiuso
giovedì 12:15–14:30, 19:15–22:15
venerdì 12:15–14:30, 19:15–22:15
sabato 12:15–14:30, 19:15–22:15
domenica 12:15–14:30

La Tagliatella

Da “Arezzo a tavola…”
Nel 1932 nasce in Arezzo un locale dove si serviva il “vinobono” alla mescita e si mangiavano “trippa” e “grifi”, assieme ad una sfoglia tirata a mano, dalla quale nasce nel 1961 il nome La Tagliatella.La conduzione odierna è affidata alla 3° e 4° generazione, ovvero mamma Cristina la chef, Cristiano noto sommelier a livello nazionale e Caterina (fratello e  sorella) la sous chef.

Oggi rigorosamente si continua la tradizione della sfoglia tirata a mano, (tutta la pasta che trovate è così prodotta) ad esempio Tortelli di piccione con pomodorini freschi, olive e riduzione di piccione o Tagliatelle al ragù di chianina, Raviolini di patate con zafferano di Cortona e tartufo ecc.

Tra i secondi i quasi introvabili Grifi o la Tartare di chianina, oppure Coniglio farcito alle erbe aromatiche ed altro ancora, ma non potete terminare la vostra Visita senza assaggiare un dessert, sempre fatto in casa, si può ricordare la Mousse ai tre cioccolati Amedei, o la storica Torta di riso.

Servizio curato ma informale (è come sentirsi a casa) grande attenzione alla scelta della materia prima e altrettanta nella carta dei vini, fatevi consigliare da  Cristiano o da Luca, rimarrete soddisfatti.

La Chef Cristina con la figlia Caterina elaborano piatti legati ad una materia prima di qualità principalmente del territorio.

Tra gli Antipasti potete assagiare un carpaccio di filetto di cinta marinato o delle terrine di coniglio e di anatra rivestita con lardo di grigio.

Le Paste sono tutte fatte in casa e rigorosamente tirate a mano, dalle tagliatelle al ragù di chianina, ai tortelli di piccione con pomodorini e olive taggiasche o raviolini di patate con zafferano di cortona e tartufo.

Nei Secondi spiccano piatti della tradizione come grifi e trippa accompagnati da  tartara di chianina, coniglio farcito alle erbe aromatiche o lombata di agnello al forno in crosta di patate.

Dessert sono tutti fatti in casa, mousse ai tre cioccolati Amedei o la classica torta di riso.

Ad accompagnarvi in sala nella scelta dei menù e nell’abbinamento dei Vini Cristiano e Luca sommelier di fama nazionale.

gallo

Insomma un’eccellenza in arezzo

 

pa1patrizio gabutti Mangiare bene

 

 

Proposta di :
Maria Elisa Petricich

… da fonti fidate mi arriva la segnalazione della storica Tagliatella di Via Giotto 47 tel 0575.21931 …

prezzo finale 70euro in due per due antipasti, un primo un secondo un dolce e due calici di vino. gli antipasti consistevano in dadini di maiale con salsa tonnata, tris di vellutate : zucca con pane tostato , patate e pancetta, cipolle e pecorino a scaglie, il primo erano pici salsa di broccoli con pancetta, il secondo filetto di vitello all’aceto balsamico, e il dolce torta di riso mi dicono eccezionale…

il prezzo mi sembra molto adeguato..a quello che si mangia ed all’ambiente…

tata1ta2ta3ta4
la-tagliatella-da-cristina123tta3ta11ta12ta13ta14ta15ta16tagliatella1

Agriturismo Nuova Era- loc. Ronco 6 Chiusi della Verna (AR)

n4

 

Nuova Era agriturismo

loc. Ronco 6 Chiusi della Verna…

Zona Sopra Rimbocchi  loc Ronco, si sale 4 km di strada sterrata
Cell.3349821901

 

com10patrizio gabutti per mangiare bene

 

 

Dal Sito :

Nuova Era gode di una situazione paesaggistica privilegiata nel Casentino, a circa 930 m di altitudine, posizione favorevolissima per le escursioni nelle numerose mete di interesse storico, artistico, paesaggistico e religioso della valle e in tutta la Toscana.

Vicinissimi sono Poppi celebre per il suo castello, uno dei meglio conservati della Toscana, oppure la splendida pieve romanica di Romena per non parlare del convento e del sacro Eremo di Camaldoli. Inoltre il Relais Nuova Era confina con il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, celebre per la vastità e la verginità delle foreste secolari di castagni e abeti, ma anche per la sua variegata fauna: lupi, cervi, caprioli, cinghiali, volpi, faine, aquile reali e molte altre specie.

La vacanza è ideale per chi vuole conoscere i sapori della campagna toscana, ma anche per chi vuole conoscerne le tradizioni e trascorrere dei giorni indimenticabili.

Il ristorante dispone di un invitante buffet a colazione a base di marmellate e dolci fatti in casa e una cucina del territorio in un’atmosfera familiare ma allo stesso tempo raffinata, e la cena a lume di candela con il panorama mozzafiato del monte sacro di La Verna sarà un momento raro e memorabile che non dimenticherete facilmente.

 

pa1Patrizio Gabutti per Mangiare bene

 

Proposta di

Nuova Era agriturismo e ristorante nel cuore del Casentino.posizione fantastica 930m s.l.m. un’ubicazione che consente di dominare tutta la Valle Santa.

Si può mangiare con il panorama mozzafiato del monte sacro della Verna.

Cucina fantastica, pasta fatta in casa prodotti del territorio…verdure dell’orto conservate con maestri per accompagnare carni e salumi e che dire delle conserve di frutta per accompagnare i formaggi…e poi gelatine…stupenda quella di sambuco (fantastico l’abbinamento con il gelato alla vaniglia)…le marmellate per una colazione cge ricorda i sapori dell’infanzia.

E se volete potete acquistare queste meraviglie e portarvi a casa profumi e sapori dell’orto e del bosco…esce tutto dalle sapienti mani dei titolari…..un posto magico.
Nuova Era agriturismo loc. Ronco 6 Chiusi della Verna…
Cell.3349821901
Andate attrezzati per camminare…si possono fare passeggiate in un paesaggio magico..poi mi direte.

Proposto da
Patrizio Gabutti
Grazie Manuela,
Ci dovresti dire meglio la strada per arrivarci per chi viene da arezzo…ed anche i prezzi. C’è menù ?
Manuela Zavagli
 Sul loro sito www.nuova-era.net ci dovrebbe essere la mappa è sicuramente più chiara di me .ti anticipo che c’è un pezzo di strada sterrata ma molto ben tenuta quindi non impauritevi è un posto nel quale si va anche d’inverno con la neve…e la magia aumenta ancora di più.
NUOVA-ERA.NET

 

Manuela Zavagli Certo menù con prodotti di stagione

 

Provo a spiegarvi come arrivarci…ma abbiate pietá di me se non sono chiara..arrivate a Rassina prendete per Chitignano e seguite l’indicazione chitignano la Verna arrivati chiedete per localitá Ronco…ci sono indicazioni…oppure passate da Bibbiena alta e seguite sempre l’indicazione Chiusi della Verna.

Cristina Ciabatti Scusa m è uscito un grr involontariamente!

Gabutti Patrizio
Manuela sei simpatica …. alla Verna ci sanno arrivare tutti….é dalla Verna che si deve capire….
Manuela Zavagli Allora l’autista di famiglia è molto più affidabile di me:Chiusi della Verna Rimbocchi da qui prendere per Biforco Doccione giunti a Doccione prendere la prima a sinistra e voilá…
Gabutti Patrizio
Era la mia prima richiesta … si va su da Rimbocchi ? Così chiedevo…
Capito, ringrazia !!!!!
Manuela Zavagli
 Lui guida io guardo il paesaggio😃

 

Gabutti Patrizio
Come tutte !!!!
Manuela Zavagli Mmmmmm…..parliamone….😉

 

Ne hai già parlato …. guardi il panorama….
n1
n2
n3
n4
n5
n6
n7
n9
eraera1era2era1era2era4era5era6era7
era222222era333333

I Bottega – Arezzo

b

 

 

 

  • Via Orciolaia 2
    52100 Arezzo
    Italy
  •  Phone number+39 334 8709028

Da ‘I’ Bottega
La bottega dell’orciolaia piccola realtà di Arezzo che la famiglia riesce a riscoprire la vecchia cucina delle vallate Aretine rievocando alcuni piatti della tradizione e non.
In particolare la Domenica del Bottega che offre a pranzo e cena la propria esperienza in materia con pasta fresca tirata a mano di mamma Angela e mamma Anna. Passando alla cucina che offre tali pietanze: colli di nane e oci ripieni, pollo e maiale al tegamaccio, nana al coccio, guancina in passatina di ceci, lesso con le sue salse, lesso rifatto, stufato alla Sangiovannese, fritto alla toscana passando ai sughi:
di nana, coniglio, maiale, costoliccio e aceto etccc…..

b44

Di Patrizio Gabutti

Abbiamo visto tanti bei primi super, serviti tutti in grandi padelle, che vengono portate direttamente in tavola. Molto pittoresche. Cucina tipica, con taglieri e salumi doc .

Pizzeria con pizza croccante e piacevole. Tutti sono gentilissimi e ti coccolano dall’inizio alla fine.

Il vino della casa, rosso, che abbiamo preso, era buono e lo abbiamo gradito parecchio.

Una mia amica mi ha detto che in 5 persone con 4 taglieri belli, pizze per 3 e due primi, 5 dolci…la spesa €85,00 : 5 = 17 € a testa, molto economico .

Insomma, una trattoria con cibi tradizionali, gestita da capaci che formano una intera famiglia molto operosi.

Ci va andato !

 

pa1Patrizio Gabutti per Mangiare bene

 

b1

 

b4

b8b9b11

 

 

RISTORO CALLISTI – Montagna- San Sepolcro AR

c33

 

 

Indirizzo52037 Montagna AR

Orari

lunedì 12–14, 20–23
martedì 12–14, 20–23
mercoledì 12–14, 20–23
giovedì 12–14, 20–23
venerdì 12–14, 20–23
sabato 12–14, 20–23
domenica 12–14, 20–23
se Nn funziona il telefono fisso x prenotare 3331874689 grazie….
pa1Patrizio Gabutti per Mangiare bene
Proposta di :
Ottima cucina Toscana . Posto accogliente. Costo del pranzo o cena mediamente sui 25 euro .
Stefania Volpone Spesso ci siamo goduti il bel camino del Ristoro Calisti e abbiamo mangiato in armonia le buonissime delizie preparate a regola d’arte da Giulio lo Chef che ci coccola come sempre . Non vediamo l’ora di ritornarci. Stiamo già pensando alla prossima 🔝🔝🔝
c1
c5
c2c6c8c9c11c13c23c35c44c55c66c77c87c90

DIRITTAVIA – Indicatore- Arezzo

 d8

Ristorante | Braceria | Lounge Bar | Dirittavia

Informazioni e Prenotazioni

‭ Cell. +39 331 6718538‬ – ‭Tel. 0575 1886759‬


Prenota il tuo tavolo:
📱‭+39 331 6718538‬
☎️ 0575 1886759‬

 

 

Alessandra Severi
Si ci sono stata…e ci ritornerò presto! Ho lasciato una recensione anche su tripadvisor. La loro forza è il prodotto a filiera corta di ottima qualità a prezzi contenuti. La carne alla brace un must! Abbiamo speso 33 euro a testa x antipasto con tartufo, secondo di carne chianina, varietà di contorni, vino biologico, caffè ammazza-caffè. Il pane è fatto da loro ed è semplicemente fantastico! La ragazza ai tavoli competente e gentile. Lo consiglio vivamente

 

 

d211d231d234d235d236d321d333d367d456

 

d2d3d4d6d9d10d11d12d13d14d16

COSA MANGIARE CON L’INFLUENZA PER AIUTARE IL CORPO

shutterstock_533024893

 

 

 

 

Con questo clima altalenante, vestirsi in maniera adatta a contrastare gli agenti climatici diventa davvero complicato. Ed ecco che inesorabilmente arriva l’influenza a tormentarci con tosse, febbre, mal di gola, congestione nasale e dolori alle ossa. Prima di correre in farmacia, vale la pena seguire qualche consiglio su cosa mangiare con l’influenza, in modo da riuscire ad accelerare il processo di guarigione e sentirci meglio più in fretta. In più, anche se non siete a letto con l’influenza, seguire semplici regole alimentari può essere utile a rafforzare il sistema immunitario e a mantenerci in salute.

 

vai all’articolo: clicca quì…

http://www.ilgiornaledelcibo.it/cosa-mangiare-con-l-influenza/

 

Il ministro per mangiare bene

10299523_10203829546848007_3625092447003206148_n

Agriturismo Il Poderone- Campigna – S. Sofia

a5
Desi Orl
14 gennaio 18

Per la classica gita fuori porta della domenica cercavamo la neve: bianca, soffice, giocosa neve, dove i bambini si mischiano ai grandi e tutti si divertono con sci e slittini, così ci siamo avventurati nel Parco delle foreste casentinesi e siamo sbarcati a Campigna.

Abbiamo trovato tanta neve, e tanto di più!!
Ci si arriva molto semplicemente, salendo da Papiano fino al valico della Calla e scendendo per altri 3 km finché sulla sinistra si incontra questa stradina sterrata di poche centinaia di metri che termina proprio nel cortile esterno dell’Agriturismo.

 

 

Vista mozzafiato su montagne e boschi a 360^, qualche attrezzo rurale lasciato sul pascolo, oche, anatre, galline e questo casale in pietra isolato che spicca sullo sfondo campestre.

Si viene accolti in una saletta calda e accogliente dove il vecchio camino in pietra, scoppiettante di fuoco e legna, la fa da padrone. Da qui si passa all’ampia sala piena di tavoli e panche, già apparecchiato in attesa degli ospiti, è un salto nel passato, una finestra su un tempo che sa di antico, dove le atmosfere contadine non si sono ancora dissolte ed i profumi di cucina si mescolano all’odore del legno e della pietra.

Si viene accolti come in una casa…..con tanto di bonario rimprovero per il ritardo, subito stemperato da pacche sulle spalle, sorrisi e strette di mano, il che per essere stata la prima volta che ci si avventurava in queste zone è già tutto un programma!!

Ci avevano spesso decantato la cordiale accoglienza romagnola, ma la Lorenzina che ci viene a salutare fino a tavola, le mani svelte che ci servono subito i primi piatti e le esortazioni a servirci più e più volte dalle abbondanti razioni servite al tavolo, sono molto più convincenti di mille parole spese a descrivere quello che potevamo solo immaginare.

Non si sceglie il menù, che ovviamente segue la stagionalità e disponibilità dei prodotti locali, ma c’è sempre la possibilità di chiedere variazioni o di segnalare intolleranze ed esclusioni per ottenere un menù personalizzato.

Si inizia subito col botto: dei tortelloni ripieni di patate e formaggio conditi al burro, seguiti da fior di polenta condita con sugo di carne e trito di verdure e da un tagliolino al ragù. Pasta fatta in casa, sfoglia tirata fine nella migliore tradizione locale e porzioni abbondanti.

A seguire un’insalata mista condita con aceto e lardo passato in padella con tocchetti di “salsiccia matta” (il cui sapore deciso ben si sposa con l’agretto dell’aceto ed il fresco dell’insalata mista con radicchio rosso).

Quindi si passa al misto di carne: fegato, anatra, piccione, pancetta di maiale e salsiccia, accompagnati da patate al forno con cuori di carciofi e verza fritta, serviti in porzioni generose che vengono riproposti più e più volte.

Si conclude con uno zuccotto semifreddo alla crema e cioccolato, accompagnato da cioccolato fuso, cui seguono caffè, amari , grappe e nocino.

Vino locale Sangiovese (schietto e genuino) ed acqua della fonte servita nelle più classiche delle caraffe.

Il costo, più che onesto, invita a ritornarci: 30€ per gli adulti e 15€ per i bambini……più che un prezzo da ristorante è il costo del solo primo piatto in altri luoghi più famosi e blasonati ma che nulla hanno da inviadiare a questo luogo di calma e di quiete.

Null’altro ho da aggiungere, se non la precisazione che le foto accluse sono prese da internet perché……la strada era lunga…..la fame era tanta…….ed il tempo per una foto era veramente troppo da pretendere a dei poveri viaggiatori affamati!! Mi perdonerete…..

 

 

aa1a2a3a4a6a7a8a9a10a11

 

 

Il Vostro Ministro per Mangiare Bene, vi ha cucinato questa proposta di Desi Orl….

10299523_10203829546848007_3625092447003206148_n

10 ZUPPE INVERNALI DA PROVARE ASSOLUTAMENTE

 

z

 

In inverno, quando le temperature calano drasticamente, non c’è nulla di meglio che preparare una zuppa che riscalda il corpo e rasserena i pensieri. Di solito i protagonisti di questo comfort food sono verdure di stagione o legumi e cereali,che rendono l’organismo più sano e forte e lo aiutano a sopportare meglio il freddo. Sapete qual è il bello delle zuppe? Che non stancano mai perché si possono arricchire con erbe aromatiche e spezie per avere ogni volta gusti e profumi diversi. Ricordatevi poi di accompagnarle con fette di pane tostato o crostini fatti in casa, il contrasto di consistenze stimola sensazioni davvero piacevoli al palato. Ed ecco che vi proponiamo 10 zuppe invernali per tutti i gusti assolutamente da provare

 

 

Vai al Link, clicca quì sotto….

http://www.ilgiornaledelcibo.it/zuppe-invernali-ricette/

 

gallo

Mangiare bene arezzo

Gruppo Facebook : mangiare bene e spendere poco idee per Arezzo e provincia