Chiedere gli avanzi è un regalo che fate allo chef

 

10.0.1045128389

Chiedere il cosiddetto «doggy bag» è «figo». Parola di chef Barbieri. Anche in cucina non si spreca niente: «Per esempio il pane avanzato nei cestini dei clienti è usato per preparare il pranzo della brigata, il vino delle bottiglie aperte lo utilizziamo per i fondi o per sfumare il risotto. O ce lo beviamo noi a fine servizio».

 

Vai al link….

 

 

 

Annunci

L’amaro e il piccante dell’olio

 

analisi-degustativa-min_0

È importantissimo realizzare che l’amaro e il piccante sono due elementi imprescindibili della qualità eccelsa dell’olio extra vergine. Poiché l’eccellenza viene data sia dalla raccolta anticipata delle olive direttamente dall’albero (brucatura) sia dall’immediata frangitura entro le 3-4 ore successive, l’amaritudine dell’oliva viene conservata integralmente nell’olio ed è quindi in effetti indice della sua qualità.

In chiusura dell’analisi gustativa, è possibile avvertire nel finale di bocca una marcata piccantezza, indice, oltre che della grande qualità, anche di un’alta concentrazione di polifenoli antiossidanti. Un vero toccasana per la nostra salute cardiovascolare.

Inoltre, bisogna anche evidenziare che, al contrario del vino, l’acidità di un olio non è identificabile attraverso l’analisi organolettica, ma solo tramite specifici processi chimici di laboratorio.

vai al link...

 

la-degustazione-dell-olio

LE PROPRIETÀ DEI CARCIOFI CHE FANNO BENE ALL’ORGANISMO

Noto sin dall’antichità per le sue doti benefiche, il carciofo è un’ottima verdura di stagione già nel mese di novembre, sebbene si raccolga da ottobre fino a giugno, caratteristica che fa sì che sia da molti considerato come il vero e proprio re dell’inverno.
Molto versatile in cucina, in Italia viene coltivato principalmente in Toscana, Liguria, Lazio e Puglia, e può raggiungere anche un metro di altezza.
Ma per svelare tutti i segreti e le proprietà dei carciofi abbiamo incontrato la dottoressa

 

Clicca quì sopra per continuare…

 

Ristorante Pizzeria Passaparola -Arezzo

12647163_943315432390763_4358784142259404132_n

pa1Patrizio Gabutti per Mangiare Bene

 

Di patrizio gabutti

Non sono un grande intenditore di pizze, dunque vorrei soffermare l’attenzione sul ristorante che funziona come un orologio svizzero : precisi, puntuali e con grande garbo riescono sempre ad essere gentili, anche nei momenti di grande ingorgo… Si perchè è ormai difficile trovare posto, perchè si mangia davvero molto bene, pasta al dente e fatta espressa, menu vario e classico. Cibo realizzato con elementi selezionati e come a casa. E come dalle mamme, si mangia molto semplice e familiare, e si spende davvero poco. Con i 10€ del menu fisso ( c’è comunque scelta), fanno mangiare un bellissimo primo ed un bel secondo con contorno, pane a volontà.. del 1000 molliche ( credo di aver riconosciuto il sapore..).

Il miglior consiglio è che se hai un po’ di tempo vai presto (12,30) o tardi ( 13.30) forse così troverai posto. In 10 minuti avrai tutto servito ed assai bene.

CI VA TORNATO !!!!!

 

 

 

Stasera sono stato a mangiare con amici al Ristorante Pizzeria Passaparola in Viale Michelangelo 86. Aperto a pranzo (12/14:30) e a cena (19/23), chiuso il lunedì. L’ambiente è alla mano, i camerieri sono cordiali e simpatici e il serviZio è veloce (considerando che era pieno). Appena arrivati ci hanno chiesto se volevamo un prosecco o un analcolico offerto da loro. Io ho ordinato un antipasto toscano classico (6€), una pizza Porcini e Salsiccia (7€), un tiramisù (3€), 1 birra media (4€) e un caffè (1€). Per finire alla cassa ci hanno offerto un amaro. La pizza io la amo più alta, ma comunque questa era buona, molto buono il dolce fatto in “casa”. Qualsiasi sia il giorno consiglio la prenotazione. A pranzo fanno menù completo a 10€. Ho deciso quindi di fare Passaparola !

 

23781978_10214180689980116_1332046796_n

 

23782235_10214180688700084_503589526_n

 

23804629_10214180687860063_262938491_n

s

23782113_10214180686820037_1177428723_n

xphmlgfdcab

pa1623805792_10214180688780086_269878735_n

LE PROPRIETÀ DEL RADICCHIO

 

 

Chi l’ha detto che la verdura di stagione a novembre non possa competere con quella estiva per colore, gusto e anche benefici? Il radicchio, ad esempio, è un ortaggio della stagione fredda che può dare molte soddisfazioni in questo senso, a partire dalla versatilità che lo rende l’ingrediente perfetto in tante ricette diverse.

Radicchio rosso, radicchio bianco, o viola, sono diverse le varietà che si possono utilizzare, valorizzando al meglio le diverse caratteristiche di ogni tipo. Quale che sia la vostra scelta, le proprietà del radicchio rimangono invariate e vanno conosciute, perché importanti per il nostro organismo. Ne parliamo con la dott.ssa Francesca Evangelisti – biologa nutrizionista – che ci spiegherà tutti i benefici di questo ortaggio di origini orientali, il cui nome scientifico è Chicorium Intybus (che deriva dal latino radix – radice).

 

 

Vai direttamente al LINK dell’autore…

LA RICETTA GIUSTA PER OGNI VARIETÀ DI MELA

frittelle

pa1Patrizio Gabutti scelto per Mangiare bene

 

 

 

 

I banchi dei mercati ne sono pieni: rosse, gialle, verdi striate, belle tonde come quelle di Biancaneve o bitorzolute come un naso di strega. Tra i protagonisti dell’orto della frutta di novembre troviamo le mele. In Italia ne esistono diversi tipi di mele, vediamo quali sono i più comuni e come possiamo usarle per creare degli sfiziosi dolcetti.

Una mela al giorno toglie il medico di torno

Vi abbiamo già parlato delle proprietà e dei benefici, tra cui quella di essere particolarmente adatta a chi soffre di colesterolo e obesità oltre a contenere vitamine che contribuiscono a rendere la pelle più luminosa.
Ma non è solo per questi motivi che le mele andrebbero consumate con regolarità. La verità è che si tratta di un frutto buonissimo, che offre un’ampia gamma di varietà, pratico da mangiare fuori casa, in ufficio o dopo attività sportive, inoltre riduce il senso di fame soddisfacendo anche la voglia di dolce. Cosa volere di più? Solo delle ricette con le mele, ecco, allora, alcune tra le più comuni varietà e i consigli per portarle in tavola.

Tipi di mele: la ricetta adatta ad ogni varietà

 

Vai a vedere il seguito nel link…Clicca quà !

 

sfoglie

Il Cantuccio – Arezzo

 

c

 

Pappardelle casarecce e ricette aretine tra arredi rustici in locale informale con archi di mattoni a vista.
IndirizzoVia della Madonna del Prato, 76, 52100 Arezzo AR

Orari

domenica 12–14:30, 19–22:30
lunedì 12–14:30, 19–22:30
martedì 12–14:30
mercoledì Chiuso
giovedì 12–14:30, 19–22:30
venerdì 12–14:30, 19–22:30
sabato 12–14:30, 19–22:30
com10  Patrizio Gabutti per Mangiare bene
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Proposto da

Non ci sono recensioni sul Cantuccio,allora la faccio io!
Sono andata al ristorante il Cantuccio circa una settimana fa…
In tre persone abbiamo preso:
1 antipasto di crostini misti (4pz)
2 antipasti di carciofi con limone e parmigiano (porzione abbondante è molto buona)
1 primo di polenta con il sugo
2 gnocchi al tartufo e parmigiano (porzione abbondante,pasta fatta a mano e piena di condimento;davvero ottima)
1 bottiglia di bolgheri (15€ di vino)
1 bottiglia di acqua
2 caffè
1 amaro


Spesa a testa di 28€,qualità ottima.


Consigliatissimo!

 

 

Patrizio Gabutti

 

Da noi si dice …ci va andato !!!!!!!

Un locale di grande tradizione e di qualità unica.

Meta di tutta la città per varie generazioni….

 

 

 

 

c4
c1c4c6c8c10c11c13

Gruppo Facebook : mangiare bene e spendere poco idee per Arezzo e provincia