Da Battista ristorante pizzeria – a Gravanella- Pian di Scò (AR)

Highlights info row image
380 436 3298
Da Arezzo: prendere l’autostrada A1 in direzione Firenze, uscire al casello Valdarno. All’uscita dell’autostrada girare tutta la rotonda e prenderne l’ultima uscita in direzione San Giovanni Valdarno. Procedere dritto per 3 km circa fino ad un’altra rotonda. Da qui seguire le indicazioni per Castelfranco di Sopra. Arrivati a Castelfranco, prendere per Pian di Sco’, dopo circa 5 km (esattamente al km 40 + 800 della SP Setteponti) passata una curva sulla sinistra troverete la strada sterrata che vi porta in un grande parcheggio, in fondo alla sinistra delle scale che portano al ristorante c’è una strada sterrata che vi porta al parcheggio dell’agriturismo… Siete arrivati… Benvenuti!!!
                   com10          Patrizio Gabutti per Mangiare Bene
Proposto da

si mangia benissimo, porzioni generose e prezzi ottimi. da Gianni si sta una favola, panorama e cibo gustosissimi. io ve lo consiglio.

https://www.facebook.com/Da-Battista-ristorante-pizzeria-a…/

 

Gabutti PatrizioAmministratore del gruppo Decio, cosa hai mangiato e quanto hai speso ? Poi dicci come si trova …grazie

Decio Viscidi si trova sulla setteponti dopo Castelfranco verso piandiscò….
antipasto (crostini salumi e formaggio), primo e secondo (grigliata, stufato o cinghiale) caffè acqua e vino della casa 25-30 euro circa a testa. abbondante!!

Decio Viscidi Ristorante Pizzeria Da Battista
Via Gravanella, 9, 52026 Pian di Scò, Castelfranco AR
380 436 3298
https://goo.gl/maps/brRjukyjLDp
 bat2bat9bat18
bat9battbatt1batt4batt6batt8batt10batt11batt13
Annunci

Osteria La Campanara- Galeata (FC)

home

via  Pianetto Borgo n.24/a Galeata (FC)

47010 Galeata

0543 981561

www.osterialacampanara.it

 

pa1 Patrizio Gabutti per mangiare bene

Noi ( io ed Isabella), sapevamo solamente, che dopo Stia, al di là del passo della Calla, superata Santa Sofia, esisteva un B&B, assai carino e dove si poteva usufruire per la ristorazione, di un’osteria per mangiare bene e spendere il giusto.

(Un consiglio…, valutate la strada che arriva a Galeata da Santa Sofia prendendo la E45 con uscita a Bagni di Romagna. Oppure fatevi una bella gita da Stia e la Calla…..attraversando boschi meravigliosi….)

Invece, per nostra fortuna, abbiamo scoperto, che i titolari, marito e moglie, Alessandra e Roberto, sono personaggi conosciutissimi e famosi nel campo della enogastronomia. Purtroppo oggi erano assenti , proprio perche’ chiamati ad una manifestazione a Ravenna. Conosciutissimi dicevo e lo si è capito dalle foto, dagli attestati, dal menu’ e dalle loro citazioni che ci sono piaciute perecchio :  “ i nostri piatti “ non sono nostri ma appartengono alla tradizione gastronomica e alla cultura delle genti di questa porzione di Romagna, un tempo non lontano ancora Toscana. Proprio dalla cucina della tradizione si parte. Il comune di Galeata e la frazione di Pianetto si trovano nel territorio della Romagna Toscana in provincia di Forli Cesena a 250 metri di altitudine ai piedi del Parco Nazionale delle foreste Casentinesi , Monte Falterona, Campigna.

Dunque, abbiamo chiesto al personale tutte le notizie di cui ci interessava conoscere e che avremmo chiesto ad Alessandra e Roberto.

Alessandra e Roberto sono marito e moglie ed il loro ” Osteria La Campanara ” è un importante riferimento per lo Slow Food locale e nazionale. Sono richiestissimi nelle trasmissioni televisive e sono pieni di attestati di ogni tipo.

Onorati di questa nostra preziosa scelta, abbiamo curiosato in tutte le stanze ed immaginato anche gli esterni  attrezzati per la stagione estiva, all’aperto. Il locale è posizionato proprio a fianco e sotto un campanile dotatissimo di campane che di sicuro hanno dato lo spunto per il nome del locale. E’ il risultato di un’ottima e recente ristrutturazione non invasiva e rispettosa. Un locale d’atmosfera, senza formalità nè imbarazzi di nessun genere. Piacevolissimo.

Come al solito ci siamo affidati per voi, molto alle foto fatte oggi ed alcune prese dai siti dove loro.. sono presenti.

Abbiamo mangiato molto bene e piatti anche particolari :

Per due persone

-saluto della cucina, lingua lessa tagliata finissima, con salsina adeguata e per Isabella una ciotolina di zuppa d’orzo, con verdure del LORO orto Km. 0,030……

  •  Tagliatelle ai funghi (tantissimi) Mix ed in prevalenza Porcini, Isabella bruschette con gli stessi funghi ottimi e profumati di provenienza locale.
  • Piccione al tegame, ben cucinato ed aromizzato, che poggiava su polenta abbrustolita, Isabella straccetti di ottima carne su misticanza locale e salsa di Rosa canina relizzata dalla cucina.
  • Dolce Ramerone  di Pianetto con ricetta di famiglia che l’oste ci racconterà la prossima volta che sarà presente, Isabella , scroccadenti ( per fortuna senza esiti… ) caserecci alle mandorle di Noto.
  • 2 caffè- 2 litri minerale- mezzo litro vino rosso di ottima qualità di produzione locale.

Totale per due persone € 72,00, che abbiamo trovato un prezzo giusto per quanto servito e per l’atmosfera piacevole. Personale assai affabile e disponibile .

Approfondiremo questa proposta, quando conosceremo Alessandra e Roberto la prossima volta….Per oggi, ce ne siamo andati felici e contenti per aver trovato anche per voi, un gran bel locale

Per il momento non c’è dubbio….ci va andato….. sia per il Ministro, che per la Ministra !!!!!                                    10

P61pianetto3pianetto4
pianetto1

 

 

Osteria La Campanara- Galeata (FC)

c18

via  Pianetto Borgo n.24/a Galeata (FC)

47010 Galeata

0543 981561

www.osterialacampanara.it

 

pa1 Patrizio Gabutti per mangiare bene

Noi ( io ed Isabella), sapevamo solamente, che dopo Stia, al di là del passo della Calla, superata Santa Sofia, esisteva un B&B, assai carino e dove si poteva usufruire per la ristorazione, di un’osteria per mangiare bene e spendere il giusto.

(Un consiglio…, valutate la strada che arriva a Galeata da Santa Sofia prendendo la E45 con uscita a Bagni di Romagna. Oppure fatevi una bella gita da Stia e la Calla…..attraversando boschi meravigliosi….)

Invece, per nostra fortuna, abbiamo scoperto, che i titolari, marito e moglie, Alessandra e Roberto, sono personaggi conosciutissimi e famosi nel campo della enogastronomia. Purtroppo oggi erano assenti , proprio perche’ chiamati ad una manifestazione a Ravenna. Conosciutissimi dicevo e lo si è capito dalle foto, dagli attestati, dal menu’ e dalle loro citazioni che ci sono piaciute perecchio :  “ i nostri piatti “ non sono nostri ma appartengono alla tradizione gastronomica e alla cultura delle genti di questa porzione di Romagna, un tempo non lontano ancora Toscana. Proprio dalla cucina della tradizione si parte. Il comune di Galeata e la frazione di Pianetto si trovano nel territorio della Romagna Toscana in provincia di Forli Cesena a 250 metri di altitudine ai piedi del Parco Nazionale delle foreste Casentinesi , Monte Falterona, Campigna.

Dunque, abbiamo chiesto al personale tutte le notizie di cui ci interessava conoscere e che avremmo chiesto ad Alessandra e Roberto.

Alessandra e Roberto sono marito e moglie ed il loro ” Osteria La Campanara ” è un importante riferimento per lo Slow Food locale e nazionale. Sono richiestissimi nelle trasmissioni televisive e sono pieni di attestati di ogni tipo.

Onorati di questa nostra preziosa scelta, abbiamo curiosato in tutte le stanze ed immaginato anche gli esterni  attrezzati per la stagione estiva, all’aperto. Il locale è posizionato proprio a fianco e sotto un campanile dotatissimo di campane che di sicuro hanno dato lo spunto per il nome del locale. E’ il risultato di un’ottima e recente ristrutturazione non invasiva e rispettosa. Un locale d’atmosfera, senza formalità nè imbarazzi di nessun genere. Piacevolissimo.

Come al solito ci siamo affidati per voi, molto alle foto fatte oggi ed alcune prese dai siti dove loro.. sono presenti.

Abbiamo mangiato molto bene e piatti anche particolari :

Per due persone

-saluto della cucina, lingua lessa tagliata finissima, con salsina adeguata e per Isabella una ciotolina di zuppa d’orzo, con verdure del LORO orto Km. 0,030……

  •  Tagliatelle ai funghi (tantissimi) Mix ed in prevalenza Porcini, Isabella bruschette con gli stessi funghi ottimi e profumati di provenienza locale.
  • Piccione al tegame, ben cucinato ed aromizzato, che poggiava su polenta abbrustolita, Isabella straccetti di ottima carne su misticanza locale e salsa di Rosa canina relizzata dalla cucina.
  • Dolce Ramerone  di Pianetto con ricetta di famiglia che l’oste ci racconterà la prossima volta che sarà presente, Isabella , scroccadenti ( per fortuna senza esiti… ) caserecci alle mandorle di Noto.
  • 2 caffè- 2 litri minerale- mezzo litro vino rosso di ottima qualità di produzione locale.

Totale per due persone € 72,00, che abbiamo trovato un prezzo giusto per quanto servito e per l’atmosfera piacevole. Personale assai affabile e disponibile .

Approfondiremo questa proposta, quando conosceremo Alessandra e Roberto la prossima volta….Per oggi, ce ne siamo andati felici e contenti per aver trovato anche per voi, un gran bel locale

Per il momento non c’è dubbio….ci va andato….. sia per il Ministro, che per la Ministra !!!!!

 

35

124567891112131416171819212223

 

24262728293031323334363742

c90c80c70c60c50c47c46c44c41c40c32c31c30c21c20c16c15

c14c13c12c11c10c8c6c4c1c

Carciofi alla giudia

carciofi-alla-giudia

Scopriamo insieme la ricetta per preparare i carciofi alla giudia secondo la tradizione ebraica romana.

Carciofi alla giudia, che bontà! Eccovi un piatto della tradizione romana che proviene dalla cucina ebraica. I carciofi vengono aperti a “fiore” e fritti in abbondante olio e sono in realtà un contorno. Nel cuore del centro storico di Roma, dove c’è l’antico ghetto ebraico, numerosi ristoranti lo dichiarano il loro piatto forte ed è uno dei piatti tipici della cucina romana.

 

Preparazione

  1. Lavate bene i carciofi ed eliminate le foglie esterne più dure. Suggerimento: con una mano ruota lentamente il carciofo, mentre con l’altra tieni un coltellino affilato inclinato ed incidi le foglie esterne asportandone la parte scorza esterna. Procedi a spirale fino a dare al carciofo la forma di una palla.

  2. Mondate il gambo togliendo la parte più esterna e lasciate solo 3-4 centimetri.

  3. Mettete i carciofi in una bacinella con acqua acidulata con il succo del limone per almeno 20 minuti perché non scuriscano.

  4. Poi sistemate i carciofi su un piano di legno a testa in giù e appiattite bene in modo che le foglie si aprano. Potete condirli con olio, sale e pepe secondo il vostro gusto.

  5. Ora vediamo la parte finale della ricetta, per renderli croccanti. In una larga padella scaldate abbondante olio e friggete 4-5 carciofi a testa in su a fiamma bassa. Dopo qualche minuto girate e schiacciate ancora i carciofi e alzate la fiamma in modo che sia altissima.

  6. In questo modo i vostri carciofi alla giudia saranno diventati croccanti.

Attenzione in ogni caso agli schizzi d’olio durante la cottura!

Vi consigliamo di servire i vostri carciofi alla giudia subito caldissimi, dopo averli passati nella carta assorbente per eliminare l’eccesso di grasso. Questo piatto esalta l’aroma di questo ortaggio come pochi altri.

 

Ma perché si chiamano “carciofi alla giudia”?

Questo piatto ci racconta una storia interessante. I carciofi alla giudia erano consumati già dai tempi antichi dalla comunità del ghetto a Roma. In particolare, venivano preparati dopo la celebrazione del Kippur, noto anche come festa dell’espiazione. Si tratta di una giornata caratterizzata dal digiuno assoluto, in cui è fatto divieto di mangiare, bere, ma anche di svolgere una qualsiasi attività.

La giornata viene passata nel raccoglimento, pregando. Dopo la giornata di espiazione, gli ebrei romani solitamente consumavano questa pietanza, ideale per spezzare il digiuno. Per questo motivo furono chiamati “alla giudia” o “alla giudea“.

Fonte  vai al link 

carciofi-alla-giudc3aca-fronte

 

 

SOTTOSALE HOSTARIA ITALIANA   Arezzo

ss1

 

 

IndirizzoVia Cavour, 6, 52100 Arezzo AR

Orari

domenica 12–00
lunedì 12–00
martedì 12–00
mercoledì Chiuso
giovedì 12–00
venerdì 12–00
sabato 12–00

Ieri sera sono stata al SottoSale in via Cavour AR centro, avevo voglia di mangiare del buon pesce e la mia aspettativa è stata più che soddisfatta .!! Il locale è molto ben arredato il personale gentilissimo.. il cuoco un giovanissimo e promettente napoletano ha persino fatto il giro dei tavoli .. ho mangiato un’eccellente piatto di crudo con gamberi rossi di Mazara scampi una battuta di tonno e una di gamberi rossi su letto di mela una piccola tagliata di gallinella e una di cernia su letto di verza e infine ostriche .. una delizia 😋poi due primi …spaghettoni alla chitarra fatti a mano con vongole e uno scialatiello con mazzancolle e funghi porcini stupendi!! Una bottiglia di ottimo Risling e due dolci una cassata scomposta e una zuppa inglese lo stresso scomposta… eccezionali il tutto 95 € (solo il vino era 25 €) mi è sembrato un prezzo più che giusto per la freschezza di tutto il pesce e per la realizzazione impeccabile di ogni piatto !! Ho pensato “Ci va tornato!!” Purtroppo ho fatto solo foto del piatto di crudo e del locale la prossima volta documenterò con più immagini di piatti

Oggi a pranzo per l’anniversario di matrimonio sono stato con moglie e figlio al Ristorante Sottosale di Arezzo, che da tempo volevo provare. Ambiente elegante, servizio rapido e impeccabile, piatti ben presentati.
Io ho scelto una vellutata di zucca con capesante e uno spaghettone con saute’ di frutti di mare, mia moglie ha scelto il polipo con patate e baccalà in umido in salsa pizzaiola, mio figlio un risotto carnaroli con crema di zucchine e gamberi di Mazara del Vallo ed una ombrina, chiudendo poi con due gamberoni crudi. Come dessert una zuppa inglese ed un cannolo siciliano scomposto, un caffè e due calici di vino bianco, due bottiglie di acqua minerale.
Tutto veramente buono !
La spesa € 40,00 a persona, accettabile in rapporto alla qualità del cibo.
Senza dubbio ci va tornato !!

Da gennaio ci dicono che ha incominciato a fare anche le pizze….

https://www.sottosalearezzo.it/menu/

 

 

Al Sottosale è arrivata la pizza (come era già stato detto). Tra le proposte anche l’originale formato da 15 cm (2 pizzette) per avere la possibilità di mangiare gusti diversi, a scelta tra le classiche e le speciali al costo di 10€. Pizza molto molto buona (Vesuvio e Billi’s style per capirsi)!!!

 

 

 

 

ss100

 

ss101

 

 

ss102

 

 

ss103

 

 

ss104

 

ss16

 

 

ss

 

ss2

 

ss3

 

 

ss5

 

 

ss6

 

 

ss8

 

 

ss9

 

 

ss10

 

 

ss13

 

 

ss14

 

 

ss15

 

 

ss18

 

 

 

 

 

Billi’s -GRILL PIZZA BEER- Loc. Gragnone AR

 

billis1

 

 

pa1Patrizio Gabutti per Mangiare bene

 

 

gallo

 

billis BILLI’S lo troverete dove era La Botteghina….ricordate?

 

 

billis3

 

 

Ilenia Giuntini Sono stata stasera… se avete voglia di mangiare american style…

Gestire

Ilenia Giuntini
Ilenia Giuntini Fanno hamburger e brace in stile americano…
Noi abbiamo mangiato mezzo galletto alla griglia e costine in salsa barbeque

Gestire

Gabutti Patrizio
Gabutti Patrizio Ilenia Giuntini va bhè, la grigliata è la grigliata….ma avranno anche primi dolci …ecc…. no?

Gestire

Ilenia Giuntini
Ilenia Giuntini Primi no. Fanno piatti unici tipo affettati o frittini, hamburger, carne alla griglia e pizza

Gestire

Gabutti Patrizio
Gabutti Patrizio ho capito …american style…! grazie

Gestire

Ilenia Giuntini
Ilenia Giuntini Prezzi comunque giusti, porzioni abbondanti… siamo stati bene

Gestire

Gabutti Patrizio
Gabutti Patrizio Bene, un genere di cibo…… ma buono ! ciao

Gestire

Claire Dodici
Claire Dodici Ma è al frantoio o al posto della botteghina? Nella foto c’è scritto Frantoio

Gestire

Gabutti Patrizio
Gabutti Patrizio E’ il cartello del frantoio e c’è scritto botteghina…..comunque è al frantoio… Dunque adesso c’è Billi’s ( al frantoio ). La Botteghina è la bottega delle merende…… che fa anche ristorante tipico…

Gestire

Ilenia Giuntini
Ilenia Giuntini Il mare di Gragnone non c’è più

Gestire

Gabutti Patrizio
Gabutti Patrizio Grazie, cancello… sono passato davanti ieri era aperto, forse quelli della bottega mangiavano i panini…

Gestire

Ilenia Giuntini
Ilenia Giuntini Alla bottega c’è adesso anche il ristorante ma fa solo cucina toscana e pizza
Salve, ieri sera siamo stati da Billi’s a Gragnone.. Locale molto carino, mangiato bene e pagato il giusto… Panino con hamburger di chianina e porcini, sul tagliere con le patatine 10€….poi ideona guanti per chi non vuole sporcarsi le mani…

Isabella Borrelli
Isabella Borrelli     I love 🍔!
billis5
billis6
billis8
billis9
billis12