“La Pieve Vecchia” – Monterchi AR

p4

 

 

 

 

com10Patrizio Gabutti per Mangiare Bene

 

 

IndirizzoLocalità Pieve Vecchia, 12, 52035 MONTERCHI AR

Orari

venerdì 12–14:30, 19–23
sabato 12–14:30, 19–23
domenica 12–14:30, 19–23
lunedì 12–14:30, 19–23
martedì Chiuso
mercoledì 12–14:30, 19–23
giovedì 12–14:30, 19–23

 

 

Gita e pranzo domenicale in Valtiberina, scegliamo “La Pieve Vecchia” a Monterchi: Ottima scelta !

Due antipasti: Uova della suocera, uova in coccio con formaggio e tartufo
Due secondi: Petto d’anatra agli agrumi e agnello fritto, come contorno prendiamo un misto di cavoli stufati, ottimi.
Boccia di vino (della casa, buono) Acqua, coperto e due caffè 68.50€

Elisa Castellani Concordo, il posto è un chicchino, si mangia bene e si spende bene.

Il complesso ” La Pieve Vecchia ” è costituito da più casali, alcuni dei quali ancora in ristrutturazione. La struttura principale risale al 400 è rappresenta il fulcro della prestigiosa Country-House.

Con un intervento radicale e rigoroso, una ristrutturazione in maniera conservativa, si sono rispettate le norme architettoniche dell’epoca; le vecchie pietre, il ferro battuto a mano, le travi in legnorendono questi antichi casolari toscani, un tranquillo e pregiato punto di ristoro.

Nello splendido paesaggio Pierfrancescano, dietro l’edificio principale, è stata ripristinata la vecchia “Aia” dove si affacciano due ex fienili, oggi trasformati in accoglienti camere, nonché una stupendasuite con vista sulle medioevale Monterchi e Citerna.

Un ospitalità che risponde alle molteplici e più diversificate esigenze della clientela, sia questa nazionale che internazionale.

 

La Storia

Il Ristorante de “La Pieve Vecchia” occupa la struttura e l’area nella quale tra il V e il VI secolo fu eretta la pieve paleocristiana di Sant’Antimo.

Si tratta dunque di un insieme architettonico antico, il cui fascino è rimasto invariato nei secoli per questa sua origine così prestigiosa.

Essa ha sempre conservato il nome di Pieve Vecchia, anche dopo che , attorno al secolo XI, la chiesa di Sant’Antimo fu trasferita per motivi di sicurezza sulla collina al di là della strada che collega Monterchi e Città di Castello, dove è ancora visibile.

L’edificio fu da quel momento utilizzato come struttura aggregata per l’amministrazione dei “tenimenti” che Sant’Antimo possedeva tutto attorno, ma anche come foresteria.

Tutto questo accadde sin dagli inizi del Seicento, quando la Pieve Vecchia e i terreni di pertinenza furono destinati prevalentemente ad attività agricole.

Per la sua collocazione al confine tra la Toscana e lo stato del Papa, lungo una strada importante come quella che collega Arezzo e Città di Castello, la Pieve Vecchia è stata nei secoli un sicuro punto di riferimento per tutti coloro che vi passarono di fronte.

Pellegrini, personaggi delle diplomazie dei potentati medievali e delle corti rinascimentali dell’Italia Centrale, condottieri e gente di ogni risma trovarono sicuri approdi lungo questo tragitto breve e comodo che scorre tra questo estremo lembo orientale della Toscana, l’Umbria settentrionale e le Marche.

Il Ristorante de “Pieve Vecchia” inizia dunque la sua attività evocando tali memorie, che si rifanno ad una storia illustre e impreziosita dai segni di laboriosità e di ospitalità di questa terra altotiberina.

… e poi caro amico quando vorrai tornare al mondo e ristorarti dopo il lungo cammino,
vai, alla Pieve Vecchia, antico luogo, dove, anche se arrivi tardi, sempre ti si apparecchia.

Urbino, 19 Maggio 1858
da una lettera di un viaggiatore del sec. XI

p1
p2
p3
p6
p8
p12
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...