DARIO E ANNA – Arezzo centro (AR)

d41

Siamo, con Dario ed Anna, tra le super eccellenze della ristorazione aretina e non solo.

Il nostro gruppo non riesce a stare dietro alla continua ascesa qualitativa di questa eccellenza, per cui ci limitiamo per stima e per qualità a rispettare il loro lavoro, aggiornando quando possibile le foto.

Complimenti per il lavoro che state facendo e colgliamo l’occasione per comunicare a tutti che adesso la cucina è a vista e che si raccomandano posti in “prima fila” per vedere meglio lo spettacolo…

Cibo al Top….Prezzi adeguati al livello altissimo del cibo …. come in tutti i locali di eccellenza, si puo’ spendere poco, se si mangia poco, come spendere tantissimo qualora si intende assaggiare le superlative prelibatezze e bere super vini ricercatissimi.

Ad Arezzo non è facile superare questo fiore all’occhiello della gastronomia aretina.

E andate, toglietevi una bella soddisfazione, perchè anche qui…ci va andato !!!!!

Il ministro

12688125_10208336410396779_4946690046263549681_n

12669727_10208336408756738_1778419140514789088_n

dd1d2d5d6d7d8d9d10d11d12d13d14d17d18d19d20d21d22d23d29d30d31d32d33d34d35d36d37d38d39d40d42d43d44d45d48d49d50

12669475_10208336408556733_4938823262198326607_n12715531_10208336409956768_7859614934793381564_n

Vecchie proposte da aggiornare…..

Ieri sera mentre il Ministro del Benessere era impegnato in una cena di lavoro io e un’amica, Tiziana, siamo state a mangiare da Dario e Anna.

Partirei al contrario cioè dalla fine della cena perché ieri mi sono riconciliata con il tiramisù aretino che solitamente  non è mai di mio gradimento , quello di ieri ,invece,  mi ha  piacevolmente ” tirata” parecchio in alto  .  In realtà sia io che Tiziana avevamo terminato la cena e attendevamo il nostro caffè quando…al tavolo accanto, Luca, lo chef, si presenta con un vassoio colmo di meravigliose bontà. Ha quindi servito un dolce al cucchiaio composto direttamente al tavolo:……..un thermos spray dal quale spruzzava nelle coppette un fresco mascarpone “montato” a panna…….una super tazzina di caffè caldissimo,  rigorosamente amaro,  che versava con il cucchiaio sopra il mascarpone assieme a piccole gocce di cioccolato amaro e un cantuccio fatto in casa e spugnato  dal caldo caffè . A questo punto ci siamo intese al volo con Tiziana, senza proferir parola e poi….quell’intesa è arrivata magicamente anche allo  chef che, avendo notato la nostra timida invidia si presenta a sorpresa anche da noi con tutti i magici intrugli! ….. io sono riuscita appena a dire ‘Grazie chef ‘ e poi al primo assaggio ho detto  …”non ho parole!”. Io non sono   golosa e soprattutto qui ad Arezzo avevo rinunciato ad ordinare il tiramisù in quanto la tendenza da queste parti è quella di offrire splendide  creme di mascarpone più o meno dolci senza alcun sapore di caffé e sempre molto pesanti a fine pasto , tipo effetto “mappazza”. Non essendo  neanche uno chef  mi limito ad osservare che il tiramisù non dovrebbe avere un sapore prevalente di mascarpone , quasi senza savoiardi o pavesini e magari con il caffè fatto con il nescafè  per giunta addolcito.Insomma ho mangiato un signor tiramisù, complimenti!

Per il resto cena eccellente con sapori genuini e freschi sapientemente cucinati. Un menù veramente ricco di piatti interessanti  con una scelta in grado di accontentare tutti: palati raffinati, palati tradizionalisti, palati golosi, palati curiosi, ecc…

Io ho preso i ravioli alla bufala con pesto e pomodorini e crostini con bruschette. Tiziana invece pici al formaggio e pepe, e anche lei  bruschette. Il tutto annaffiato  da una bottiglia di Flanghina fredda. Nei tavoli limitrofi  giravano  piatti davvero speciali: branzini cotti su piastre di sale dell’himalaya, carni su pietre……fantastici! E da apprezzare il pane fatto da loro.

Nel locale c’erano dei piccoli schermi tv che hanno permesso  di sbirciare ,con discrezione , la partita Olanda Spagna , e questo mi è sembrano un’ottimo compromesso tra appassionati tifosi e non……….

Siamo state accolte con un aperitivo al tavolo, anch’esso gradevolissimo: il famoso UGO! aperitivo molto conosciuto al nord (Alto Adige e pusteria…) a base di prosecco e sambuco. Anche questo mi ha sorpreso in quanto non era troppo dolce come altri che avevo assaggiato.  Ringrazio” Dario e Anna” per avermi fatto scoprire UGO prodotto da Mionetto!

A termine ci hanno offerto un rum invecchiato 12 anni, speciale.

Mangiato bene e speso benissimo!

Dobbiamo tornare anche perché Luca ci ha voluto incuriosire con una nuova ricetta a base di vongole e pistacchi (spero di aver inteso correttamente che fosse un primo piatto e non un gelato!).

Alla prossima

Isabella

 Via Vittorio Veneto, 14, 52100 Arezzo, Italy

image

image_3_1 image_1_1 image_5_1 image_4_1 image_9_1 image_8_1 image_7_1 image_10_1 image_10

image_11

image_16 image_15 image_14 image_13 image_12

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...