Gli innumerevoli effetti benefici delle albicocche, elisir di salute e di pronta guarigione

L’albicocco è una pianta originaria della Cina nordorientale, portato in Europa da Alessandro Magno dall’Armenia, da cui prese il nome botanico “Prunus armeniaca”, appartenente alla famiglia delle Rosacee, come il pruno, il pesco e il ciliegio. Venne introdotto in Italia dai Romani ma la sua diffusione nel bacino del Mediterraneo avvenne per opera degli Arabi. La parola “albicocco” deriva dall’arabo “Al-barquq,” rinominata,nel tardo latino, in praecox, nel senso di “precoce”, da qui anche il nome percoca. L’albicocca, composta all’85% da acqua, contiene 28 kcal ogni 100 grammi di parte edibile, per cui ha un apporto calorico particolarmente basso, quindi è consigliabile nelle diete ipocaloriche; ha un basso indice glicemico (induce un rilascio di insulina basso al momento dell’assimilazione);è particolarmente ricca di potassio, calcio, fosforo, ferro e sodio, che sono utili nella prevenzione della stanchezza, della spossatezza e delle lievi forme depressive; dicobalto e rame, che combattono l’anemia.

ALBICOCCA 1Contiene soprattutto vitamina A, seguita dallavitamina C e da quelle del gruppo Bnon contiene colesterolo; contiene carotenoidi,soprattutto betacarotene che, oltre a conferire il colore arancione al frutto, è un precursore della vitamina A. Fortunatamente questa vitamina, essendo liposolubile, se assunta rimane nel nostro corpo, proteggendoci dai raggi solari e preservando la salute delle mucose delle vie respiratorie, del tratto digerente e delle vie urinarie, oltre a svolgere un’azionecontro la fragilità di unghie e capelli, nell’eccessiva fragilità ossea, nella difficoltà della cicatrizzazione delle ferite, nei disturbi della vista. La vitamina A è utile per lo sviluppo delle ossa, per la guarigione dalle malattie e per il corretto funzionamento di tutti i tessuti del nostro organismo, è in grado di stimolare la produzione di melanina, sostanza responsabile dell’abbronzatura e della protezione della pelle.

continua a leggere l’articolo : link

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...