Osteria La Botte Piena – Montefollonico (SI)

IMG_6530Dopo diversi weekend passati o al lavoro o ad aggiungere nomi di locali nella mia personalissima “Black List”, ieri, dietro consiglio dell’amica-collega Ludovica, siamo stati a cena a “La Botte Piena” di Montefollonico.
Questo locale già in partenza ha un punto in più rispetto a tanti altri, la location. Montefollonico è un borgo medioevale con tanto di mura di cinta e cassero, un gioiellino di paese come tanti nella nostra bella terra, con una strada panoramica per arrivarci che da sola vale il viaggio. Mi immagino cosa possa essere farla in moto e capisco come mai gli stranieri vengono da noi e perdono la testa per la bellezza del nostro paesaggio. Appena arrivati al paese, la porta di accesso ti invita ad entrare in uno scrigno fatto di vicoli, di pietra e di atmosfere antiche. L’oggetto del nostro viaggio, si trova appena entrati dalla Porta del paese, lievemente spostato sulla destra. L’ingresso è abbastanza anonimo ma una volta entrati il locale si presenta subito nella sua essenza. Un’enoteca…poi un ristorante. La vocazione e la dedizione al buon vino sono dimostrate, oltre al colpo d’occhio davvero notevole, con oltre tremila (3.000) bottiglie, soprattutto dalla competenza con cui vengono consigliati gli abbinamenti con i vari piatti serviti. Competenza sui vini ritrovata forse solo alla Tagliatella di Cristiano Cini.
La gentilezza e la discrezione dei proprietari fa il resto. Presenti ma non invadenti, ti coccolano e ti consigliano durante tutta la cena spiegandoti i piatti e gli abbinamenti di vino scelti.
Come spesso succede quando andiamo in locali che non conosciamo e che vogliamo recensire, ci siamo affidati, sia nel mangiare che nel bere, alle mani del titolare. Quindi antipasti ed assaggi di primi a fantasia dello Chef, mentre per il secondo abbiamo preso il piatto del giorno. Deciso di non avventurarci nelle 82 (ottantadue!!) pagine della lista dei vini, appena ordinato ci viene sottoposta una scelta di vini al calice davvero valida. Anche qui la scelta di lasciarci consigliare è stata giusta (c’è da dire che sarebbe stato difficile sbagliare tra la selezione tutta di OTTIMA qualità).
Mentre aspettiamo gli antipasti ci soffermiamo a notare i particolari dell’arredamento che rendono l’atmosfera veramente molto “calda”, intima, accogliente.

12192002_10207833990191331_2313571610753784887_n12308399_10207833991191356_4691965680212491101_n12311043_10207833991951375_5619875467302120246_n12316640_10207833992111379_2434281336836618584_n12341126_10207833990791346_3873036809462722772_n12341185_10207833990271333_3701822019352708476_n12346348_10207833990711344_703318865965127180_n12348104_10207833991271358_4446717270431531293_n

Arrivano gli antipasti.
• Tagliere di salumi di cinta senese;

• Crostoni di formaggio e marmellata di fichi;
• Crostoni con salsiccia e spinaci;
• Tagliata di Chianina;
• Fegatini con cantucci salati;
• Sformatino di patate con zucchine e crema di porro.
Tutto di altissima qualità con un’eccellenza nella tagliata di Chianina.
Assaggi di primi:
• Gnocchi con asparagi, gota di cinta senese e pecorino di fossa;
• Pici fatti a mano con sugo di anatra e manzo in bianco.
Per secondo abbiamo preso il piatto del giorno, filetto di cervo, con fagioli in bianco e patate al forno.
Tutto molto buono.
Ci hanno accompagnato vini della zona (Montepulciano e Montalcino), veramente azzeccati come abbinamenti, veramente.
I dolci:
• Torta di mele con crema inglese;
• Rotolino alla crema ricoperto di cioccolato amaro
Discreti.

Siamo stati bene.
Come sempre e come mi piace ripetere spesso, tutto è perfettibile tranne la partita doppia. Anche qui credo che alcune cose sarebbero sicuramente da rivedere.
I tavolini 75 x 75 per una persona di corporatura “importante” (quelli grassi come me ad esempio…) sono un po’ troppo precisi. Mangiare su un tavolo del genere in tre diventa problematico.
Abbiamo speso 110 euro in due, prezzo assolutamente onesto per quello che abbiamo mangiato e bevuto. Per questo prezzo però, mi sarei aspettato una tovaglia e dei tovaglioli di stoffa, anziché un coprimacchia di carta con relativo tovagliolo di carta, se pur abbinato. Altro dettaglio che consiglierei di curare è la qualità dei piatti nel senso di stoviglie, entrambi i piatti su cui abbiamo mangiato gli antipasti erano sbeccati.
Ultima cosa, da buon rompiscatole quale sono, non ho gradito l’esecuzione del filetto di cervo. Essendo il cervo una carne tendente al dolce, avrei messo prima della bardatura con il lardo, peraltro necessaria per cuocere una carne così magra, un rub per smorzarne il dolce. Parere personale.
Nel complesso un gran bel ristorante dove si mangia e si sta bene, davvero.
Da ritornarci per metterli magari alla prova con una bella trippa (che non riesco più a mangiare di gusto da quando ha chiuso Raca a Cortona).
Caldamente consigliato.

Roberto Cardeti

Osteria La Botte Piena sas

Piazza Dionisa Cinughi, 12

53040 Montefollonico

Tel. 0577/669481

E-mail info@labottepiena.com

IMG_6541IMG_6539IMG_6537

IMG_6538

IMG_6540

IMG_6536

IMG_6535

IMG_6534

IMG_6533

IMG_6532

IMG_6531

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...